Situata sul lato settentrionale del Golfo di Gaeta, sormontata dai Monti Aurunci, Formia è un'elegante e vivace località balneare, affacciata sul Mar Tirreno.
Da questa splendida cittadina è possibile raggiungere in breve tempo sia Roma che Napoli , il Circeo , la Reggia di Caserta , l'Abbazia di Montecassino e le isole Pontine .
Per chi ama la natura il Parco degli Aurunci costituisce un luogo ideale per escursioni e pic-nic.

veduta di Formia dal mare

Narrano le leggende che qui fece tappa anche Ulisse durante il suo interminabile viaggio. Ai tempi dell'antica Roma questa zona era una delle preferite dai patrizi romani per la loro villeggiatura. Qui, infatti, veniva a riposarsi Cicerone , che fece costruire per sè e per la sua famiglia una sontuosa villa vicino al mare. E sempre qui, nel 43 a.C., i seguaci di Marco Antonio lo inseguirono e lo uccisero.

Fiorente sino alla caduta dell'Impero, Formia venne razziata e distrutta dai Saraceni , che vi rimasero sgraditi ospiti sino al 915. Ripartiti questi, la città rinacque, ma su due nuclei separati, Castellone e Mola , che tali rimasero fino al 1862, quando vennero riunificati sotto il nome originario di Formia.

Nonostante le guerre e le moderne edificazioni, dovunque tutt'oggi è possibile osservare i resti di antiche costruzioni: dai ruderi di antiche ville, all' Anfiteatro , alla Tomba di Cicerone .
Nel 1861, nelle sale di Villa Rubino , Piemontesi e Napoletani firmarono l'armisitizio che poneva fine all'assedio della vicina Gaeta , dove Francesco II di Borbone si era asserragliato con i suoi ultimi seguaci dopo la battaglia di Volturno. Il Regno delle Due Sicilie cessava così di esistere.